Visita all’antichissima Peastum, in Campania

 

Paestum, è un’antica città della Magna Grecia, che è stata chiamata dai fondatori Poseidonia in onore di Poseidone.  Si trova in Campania, in provincia di Salerno, per l’esattezza nel comune di Capaccio, a 30 chilometri circa a sud di Salerno, e a circa 95 chilometri da Napoli.

 Questa città è stata abitata fin dall’età  della preistoria, in quanto sono stati ritrovati dei manufatti che sono datati all’ età paleolitica fino all’età del bronzo, anche se non si ha una data precisa sulla sua fondazione.

 In seguito alla seconda guerra mondiale, questi scavi sono diventati sempre più sistematici; soprattutto negli anni 50 si sono approfondite le ricerche sulle aree vicino ai templi, dove sono stati portati alla luce  delle stipi votive della “Basilica” e del “Tempio di Nettuno”. Nel 1954 fu scoperta  il sacello sotterraneo. Ritrovamento più  recente sono state le insulae ad ovest della Via Sacra, che hanno consentito di capire alcuni elementi sull’abitato della città antica, soprattutto del suo impianto urbanistico e sviluppo edilizio.  Negli anni Sessanta, sono state scavate quotidianamente le tante e ricche necropoli di Paestum, che hanno permesso di recuperare opere straordinarie e uniche nel suo genere, fra cui spicca la Tomba del Tuffatore, con dei corredi funerari, e delle bellissime ceramiche che sono state prodotte localmente, da artisti molto conosciuti fra cui Assteas, Python e soprattutto  il così chiamato Pittore di Afrodite.

 Tutta l’area archeologica di Peastum, presenta tantissimi siti perfettamente conservati, tali da essere considerati per questo degli esempi unici dell’architettura magno-greca, come i tre templi di ordine dorico che sono stati costruiti in due aree santuariali urbane di Paestum, che erano state dedicate  ad Hera e ad Athena. Fra i templi esistenti merita attenzione il Tempio di Hera I, ovvero la cosiddetta basilica  dedicata ad Hera,  che è stato costruito nel 540 a.c circa. E’ presente anche quello che considerato il “Tempio di Nettuno” ovvero il Tempio di Hera II, sempre dedicato ad  Hera, che è stato costruito in arenaria vicino al 530 a.C., che rappresenta il più grande fra i templi di Paestum. Questo edificio ha delle forme dell’ordine dorino classico, molto simile al Tempio di Zeus di Olimpia.

 Da vedere anche Il Tempio di Athena, che è stato costruito intorno al 500 a.C., dove precedentemente era conosciuto  come Tempio di Cerere. Fra tutti questo è’ il più piccolo fra i edifici templari, con delle colonne doriche nel peristilio ed ioniche nella cella.

 Infine merita attenzione Il santuario di Hera, situato vicino alla foce del Sele, che è un luogo molto antico di culto extramurario, e che è stato dedicato alla dea Hera, che secondo una tradizione venne fondato dagli Argonauti.

 C’è anche la possibilità di visitare un museo dove si possono ammirare collezioni di reperti che sono stati  rinvenuti in tutte le aree di Paestum.        

Paestum si può raggiungere con  l’autostrada A3, dove si esce a Battipaglia,  percorrendo poi  la SS18 o la SP430. Paestum è famoso non solo per le sue ricchezze storiche ma anche per lo splendido mare e le spiagge che li circondano: la meta ideale per una vacanza in famiglia ma anche per un weekend romantico da trascorrere con la propria metà

 

Visita all’antichissima Peastum, in Campaniaultima modifica: 2012-08-24T16:03:46+02:00da feedwrite
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento